18 articoli per un'altra riforma del lavoro

La lotta dei precari, delle giovani generazioni, contro il jobs act e il modello di organizzazione del lavoro che propone non è una lotta difensiva e di retroguardia; non può esserlo perché, banalmente, non abbiamo nulla da difendere. Non accettiamo l'attacco ai pochi diritti di chi è entrato prima di noi nel mercato del lavoro e non è stato travolto dalla crisi, dalle delocalizzazioni, dai demasionamenti e dai ricatti.

Non ci limitiamo a dire no al jobs act (che abbiamo analizzato in questa guida). Il diritto al reintegro in caso di licenziamento discriminatorio è stato già manomesso dal governo Monti e ora Renzi punta ad affossarlo del tutto. Oltre a difendere l'articolo 18 proponiamo 18 articoli per un'altra riforma del lavoro, per un'altra idea di welfare, per un'altra idea di cittadinanza, per la nostra dignità, perché la vita non è un gioco.

Ovviamente non sono proposte chiuse al dibattito (al contrario di quelle di Matteo Renzi), contattaci, invia i tuoi contributi, commenta le singole proposte e aiutaci ad arricchirle.