15. diritto all'abitare

Il diritto all’abitare non può essere negato a nessuno, quindi è prioritaria l’abolizione del Decreto Lupi. In Italia ci sono 7 milioni di abitazioni vuote e una spesa pubblica per il diritto alla casa pari allo 0% del Pil, contro una media europea dello 0.6%. Bisogna fermare la privatizzazione del patrimonio pubblico del demanio e assicurare la sua destinazione a realizzazione di spazi per il mutualismo, il coworking, gli studentati e le abitazioni sociali. Per cominciare si potrebbero destinare i circa 11.000 immobili confiscati alle mafie ad un piano nazionale per il diritto alla casa per i meno abbienti. Serve redistribuire la ricchezza patrimoniale per garantire il diritto alla casa a chi oggi non può soddisfarlo attraverso mezzi propri (lavoro o eredità): non è quindi rinviabile l’introduzione di una tassa progressiva sugli immobili di valore superiore ai 500mila euro.

Ovviamente non sono proposte chiuse al dibattito (al contrario di quelle di Matteo Renzi), contattaci, invia i tuoi contributi, commenta le singole proposte e aiutaci ad arricchirle. Qui trovi tutte i #18articoli