blog

Perché non è possibile dimenticare e condannare i fatti del 24 novembre

  • Scritto da ACT!

Apprendiamo dai giornali che sedici persone sono state condannate e tre assolte per la manifestazione di Roma del 24 novembre del 2010, contro l'approvazione del decreto Gelmini sulla scuola. Le condanne variano da un massimo di 1 anno e 9 mesi di reclusione.

Sono passati circa 5 anni dai fatti in questione. A quei tempi molti di noi erano studenti, dottorandi, ricercatori, scesi in piazza per manifestare contro quello che ancora oggi ci piace definire il sistematico smantellamento dell’istruzione pubblica italiana, la famigerata “Riforma Gelmini”; una riforma che insieme al precedente blocco del turn over del 2008,  oggi, dati alla mano, è ancora delle cause determinanti della fuga di migliaia di ricercatori dal nostro paese.

Add a comment

La sinistra di tutte e di tutti? Dipende da noi, tutte e tutti.

  • Scritto da ACT!

In questi giorni, insieme a tanti altri e tante altre, abbiamo pubblicato sui nostri profili social personali un breve testo, intitolato “per la sinistra di tutte e tutti”.

Si tratta di un grido d’allarme, di un sasso nello stagno troppo quieto della sinistra italiana, del lancio in avanti di una proposta ambiziosa. Per mesi stiamo stati impegnati, insieme alle principali forze politiche della sinistra e a diverse personalità indipendenti, in un tavolo di discussione, da cui sarebbe dovuto nascere un soggetto unitario. Quel tavolo - che aveva la semplice funzione di trovare un accordo di minima e cedere sovranità a un percorso aperto - è saltato definitivamente. Nelle ore in cui Podemos ribalta la storia della politica spagnola, l’immobilismo ci è sembrato intollerabile e colpevole.

Add a comment

La sinistra di tutte e tutti: il tavolo e le nostre proposte

  • Scritto da ACT!

Negli scorsi mesi abbiamo partecipato al tavolo delle forze politiche per la costruzione di una nuova sinistra, un tavolo che aveva l’obiettivo di mettere in campo il processo costituente di una forza politica d'alternativa, autonoma e differente dalle altre forze politiche e in grado di irrompere sulla scena pubblica. Mentre diversi fascismi avanzano sulle due sponde del Mediterraneo, mentre la guerra si fa mondiale, mentre le disuguaglianze crescono, oggi più che mai ci sarebbe bisogno di una risposta politica, chiara, efficace, radicale e di massa.

Add a comment

Puglia: i nostri emendamenti al reddito di dignità

  • Scritto da ACT!

Nelle scorse settimane a partire dal lavoro che in questi anni abbiamo portato avanti sul tema del reddito minimo abbiamo prodotto alcune analisi sulla proposta di legge della giunta Emiliano denominata "reddito di dignità" che a nostro parere è ben lontana dal raggiungere l'obiettivo dichiarato dal presidente della regione e presenta anzi numerosi rischi.

Add a comment

25 novembre: una lotta quotidiana

  • Scritto da ACT!

Il 25 novembre in tutto il mondo si discute di un tema che difficilmente riesce a scalare l'agenda mediatica se non quando viene legato a tristi fatti di cronaca: la violenza contro le donne. Noi oggi vogliamo segnalarvi alcuni dati e lasciare a voi la riflessione e il commento. Le violenze avvengono ogni giorno e altrettanto quotidiano è l'impegno di molti volontari e cittadini che non hanno bisogno di una giornata celebrativa per provare ad affrontare il tema delle violenze fisiche e psicologiche contro le donne, nonostante il continuo taglio dei finanziamenti alle politiche attive per restituire a loro e a noi tutti la salute, il lavoro, la sicurezza e una vita degna.

Add a comment

Reddito minimo: in Campania

  • Scritto da ACT!
E’ partita da qualche settimana in Campania la campagna per il reddito minimo garantito, la proposta di legge regionale di iniziativa popolare che prevederebbe 583 euro/mese per precari, inoccupati e disoccupati. Nel contesto di grave crisi che affligge la nostra Regione questa proposta rappresenta uno strumento per poter vivere dignitosamente, sottraendosi alla povertà, al ricatto del lavoro nero e della criminalità organizzata. Per la nostra generazione il reddito è un'occasione per liberarci da queste catene. Per presentare la proposta di legge occorrono 10mila firme, pertanto organizzeremo in ogni territorio banchetti ed iniziative per raggiungere l’obiettivo e per iniziare una battaglia fino all’approvazione della legge. Garantire una vita dignitosa a tutti è possibile e necessario! 
Add a comment

Reddito in salsa pugliese: Emiliano confonde dignità e carità

  • Scritto da ACT!

La proposta di un provvedimento contro la povertà annunciata oggi da Michele Emiliano ci lascia piuttosto perplessi: Michele Emiliano fa evidentemente confusione tra "dignità" e "carità" proponendo un sistema di welfare inefficace e familista.

Quando il presidente Emiliano promise l'approvazione in tempi rapidi di un "reddito di dignità" – citando esplicitamente la campagna promossa dall'associazione Libera – come ACT e Rete della Conoscenza, che di quella campagna siamo stati co-promotori, speravamo di ricevere notizie positive per migliorare le condizioni delle migliaia di persone che vivono sotto la soglia di povertà e ridurre le diseguaglianze.

Add a comment

21 novembre, manifestazione nazionale: l'appello della Coalizione Sociale

  • Scritto da ACT!

La coalizione sociale scende in piazza e riconosce nel 21 novembre una necessaria giornata di mobilitazione.

La legge di stabilità presentata dal governo, lungi dall’aver dato delle risposte, si è espressa in piena continuità con tutti i provvedimenti precedenti: dal Jobs Act, allo Sblocca Italia, alla Buona Scuola, alla privatizzazione dei beni comuni e alle riforme costituzionali.

Add a comment